Criteri di esclusione

Caro amico,
esistono malattie come l’epatite e l’AIDS che possono essere trasmesse anche mediante la trasfusione di sangue. Alcune abitudini di vita espongono al rischio di contrarre queste infezioni e quindi di trasmetterle; poiché i test di laboratorio non sono sempre in grado di identificare i soggetti infettati di recente, si rende necessario escludere dalla donazione (temporaneamente o definitivamente) le persone che possono essersi esposte a questi rischi. I principali criteri di esclusione sono qui riportati:

CRITERI Di ESCLUSIONE DALLA DONAZIONE
Esistenza nella storia personale di:
1) Assunzione di droghe.
2) Rapporti omosessuali.
3) Rapporti sessuali con persone sconosciute o a rischio.
4) Trasfusioni ricevute (anche in un lontano passato).
5) Epatite e ittero.
6) Malattie veneree.
7) Positività per il test della sifilide (TPHA o VDRL).
8) Positività per il test dell’AIDS (anti – HIV 1 – 2).
9) Positività per il test dell’epatite B (HBsAg).
10) Positività per il test dell’epatite C-(anti – HCV).
11) Rapporti sessuali con persone nelle condizioni incluse in questo elenco.

Chi effettua la donazione di sangue compie un atto generoso di profondo significato filantropico pertanto, se ha il solo dubbio di poter creare danno al paziente, deve astenersi dalla donazione. Il colloquio con il medico, vincolato dal più rigoroso segreto professionale e d’ufficio, potrà aiutarla a chiarire e a valutare insieme le possibili esposizioni a rischi. Le ricordiamo inoltre che la donazione non comporta alcun rischio di contrarre queste infezioni, poiché ad ogni prelievo viene utilizzato materiale sterile che viene eliminato dopo l’uso

dalla Circolare informativa emanata dall’Azienda U.S.L. N. 1 Avezzano – Sulmona

Servizio di immunologia e Centro Trasfusionale

(Ai sensi D.M. 27 Dicembre 1990)